LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Chi vuol essere un Guardiano Leggendario?

Ogni volta che mi capita di rivedere il film “Le 5 Leggende”, riaffiorano tanti ricordi meravigliosi, legati a un’esperienza che ho vissuto qualche anno fa. Era l’estate del 2014 e la nostra comunità non aveva potuto realizzare il Grest, per via dei lavori di costruzione del nuovo plesso parrocchiale. 

In alternativa, si era pensato di realizzare un campo estivo dedicato alla formazione degli animatori. In questa occasione, il film “Le 5 Leggende” faceva da guida a tutte le attività e le catechesi.

Oggi desidero proporvi non solo la visione di questo film meraviglioso, ma anche delle linee guida utili a realizzare vari percorsi formativi per i ragazzi.

Jack Frost e la luna

Il film narra la storia di Jack Frost, un ragazzo senza memoria, emerso da un lago ghiacciato. Appena si risveglia, scopre la sua capacità di congelare le cose e di manipolarle a suo piacimento con il solo tocco.

Buio. È la prima cosa che ricordo. Era buio e faceva freddo, avevo paura. Ma poi… poi ho visto la luna. Era così grande, così luminosa, sembrava cacciasse via il buio. E a quel punto non ho avuto più paura. (Jack Frost)

Meravigliato da questi poteri, Jack cerca di manifestarsi agli abitanti di un piccolo villaggio nelle vicinanze, senza però ottenere nulla. Con amarezza, scopre di essere invisibile agli occhi degli uomini per un motivo: nessuno sa della sua esistenza, nessuno crede in lui.

L’inizio dell’incubo…

La storia si sposta 300 anni in avanti. In mondo è sotto la custodia di quattro guardiani: North (babbo Natale), Calmoniglio (coniglietto di Pasqua), Sandman (l’uomo dei sogni) e Dentolina (la fata dei denti).

Il loro compito è quello di portare meraviglie, sogni e speranze nel mondo, custodendo coloro che sono il futuro dell’umanità: i bambini. È la fede dei piccoli che permette ai guardiani di fare il loro lavoro, rimanendo visibili, potenti e capaci di trasmettere luce nel mondo.

Ma, ad un certo punto, questo ciclo vitale si spezza con il ritorno dell’uomo nero: Pitch Black.

Pitch ha solo uno scopo: inquinare con la paura i sogni dei bambini e portarli alla delusione verso i guardiani, facendogli così perdere la fede in loro. In questo modo, tutti avrebbero creduto solo nell’uomo nero, aumentando i suoi poteri ed eliminando di fatto i guardiani dalla faccia della terra.

La chiamata dell’Uomo nella Luna

Per affrontare Pitch, i guardiani decidono di consultarsi con Manny, l’Uomo nella Luna. Questa figura è molto interessante, per certi versi potremmo paragonarla a Dio Padre.

Ciò che caratterizza l’Uomo nella luna è che non si fa mai vedere e che parla solo attraverso il silenzio. Con un’inaspettata iniziativa, Manny sceglie un nuovo guardiano: Jack Frost! Gli altri, all’udire ciò, restano parecchio scettici, non credono che lui sia adatto a diventare uno di loro. 

Avete tanti motivi per pescarne uno più capace! (Jack)

Pescare? Credi che noi peschiamo? No! Sei stato scelto! Siamo stati tutti scelti dall’Uomo nella Luna. (North)

Jack rifiuta clamorosamente. Sentendosi inadatto a un ruolo così importante, preferisce continuare a divertirsi, piuttosto che andare incontro ai doveri di guardiano.

Ma Calmoniglio lo provoca, mettendogli davanti la verità: lui è ancora invisibile. Per tutta la vita Jack ha cercato di farsi vedere, manifestando i suoi poteri, ma nessuno ha mai creduto in lui e questo lo ha reso infelice. 

Alcuni percorsi tematici

Prima di continuare, vorrei offrire alcune linee guida che ritengo adatte per realizzare un bel percorso formativo sulla base di questo film:

  • Il tema della chiamata. Come battezzati, siamo chiamati a vivere da figli di Dio, inviati ad essere sale della terra e luce nel mondo. Questo tema si sposa benissimo anche con la chiamata ad essere responsabile di qualche attività pastorale, ad esempio come educatore o catechista. Può essere anche una buona idea per accompagnare i ragazzi che vanno incontro al sacramento della Confermazione. Oppure può essere uno spunto per riflettere sulla propria vocazione.
  • Il tema del credere in se stessi e negli altri. Tutto il film mostra una continua evoluzione interiore dei protagonisti. Ad esempio: alcuni guardiani hanno difficoltà a fidarsi di Jack per via dei suoi precedenti e della sua irresponsabilità. Ma sarà il cammino condiviso di collaborazione che li porterà a ricredersi. Anche Jack deve affrontare la propria battaglia: ritrovare se stesso e affrontare le proprie paure.
  • Il tema del male e delle sue strategie. Se guardate il film con quest’ottica, potete trovare tantissime verità spirituali. Pitch cerca di conquistare il mondo usando tre armi: la paura, lo scoraggiamento e la menzogna. Il messaggio finale sarà una regola fondamentale per il cammino di fede: bisogna conoscere il nemico per poterlo sconfiggere.
  • Il tema dei talenti. Ogni guardiano è diverso dall’altro. C’è chi porta meraviglia, creando regali da dare ai bambini (North). Calmoniglio è custode della speranza, Sandman dei sogni e Dentolina dei ricordi più importanti dell’infanzia.

Insomma, ogni guardiano ha il proprio ruolo, il proprio talento e il proprio… centro.

Continua a pagina 2

Lascia un commento