LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

La chiave della perseveranza

La chiave della speranza

Chiaramente, l’autore di questa canzone non tratta in maniera diretta del cammino cristiano. Tuttavia, è sempre entusiasmante individuare quei piccoli frammenti di Vangelo che si insinuano anche nell’inaspettato!

Infatti, il messaggio interpretato da Caparezza può essere rivisto alla luce della fede: non siamo mai da soli nello scontro con le difficoltà, anche se credere il contrario risulta spesso più immediato. Il Padre rimane accanto a noi per confortarci, per donarci il coraggio di affrontare quei problemi che abitano nella nostra vita, per assisterci nel trovare le chiavi capaci di aprire le nostre serrature chiuse. La vera sfida consiste nel prendere coscienza della sua presenza e nell’accogliere gli aiuti che ci elargisce.

«Tutto posso in colui che mi dà la forza.» (Fil 4,13)

Inoltre, potremmo affermare che proprio nel momento della prova la fede si forgia, mostra tutta la sua forza e diviene così perseverante, nonostante le avversità che consideriamo più insormontabili. Infatti:

«Ritenete tutto una gioia, fratelli miei, quando vi imbattete in tentazioni svariate, sapendo che la genuinità provata dalla vostra fede produce la perseveranza, la perseveranza poi è quella che deve portare a perfezione l’opera, in modo che siate perfetti, completi, senza che vi manchi niente. […] Beato l’uomo che sostiene la tentazione, poiché, una volta collaudato, riceverà la corona della vita, che Dio promise a quanti lo amano.» (Gc 1, 2-4.12)

La chiave della creatività

Come già anticipato, a partire da “Una chiave” e dal confronto sul suo testo è possibile creare un interessante incontro, che può divenire occasione di riflessione, scambio, introspezione per i nostri destinatari.

Verso la fine della canzone, Caparezza si rivolge al se stesso del passato. Prendendo spunto da questo passaggio, vogliamo invitare ciascun partecipante a comunicare invece con il “se stesso del futuro”. Come? Scrivendogli una lettera, nella quale vengono analizzati i problemi individuali e si ricerca la motivazione necessaria per fronteggiarli. A tal fine, proponiamo la seguente traccia:

  • Caro/a me del futuro…
  • Adesso la difficoltà che mi affligge, la mia “serratura chiusa” è…
  • Tu, da domani, affronterai questa difficoltà così…
  • La fede in Dio ti aiuterà a trovare la soluzione, la “chiave giusta”, perché…

Si potrebbe concludere l’incontro in questione anche con una semplice preghiera, rendendo però particolare l’ingresso nel luogo in cui vogliamo ambientare questo momento, che sia una chiesa o una cappellina. Infatti, nel video di “Una chiave” il cantautore attraversa diverse volte una serratura, una specie di portale che lo trasporta in paesaggi sempre meravigliosi. Sarebbe molto suggestivo dare libero sfogo alla fantasia per ricreare qualcosa del genere e poi posizionarla all’entrata dello spazio verso cui siamo diretti. Ciascun partecipante viene quindi invitato ad oltrepassare la serratura, per ritrovarsi così alla presenza di Gesù nel Tabernacolo, dinamica che ancora una volta conferma la volontà di lasciargli trasformare la nostra vita.

 

Lasciateci un commento per dirci la vostra e, ovviamente, fateci sapere se avete riproposto questa idea!

Per ulteriori chiarimenti, contattateci senza esitazione nell’apposita sezione qui sul sito, oppure sulla nostra pagina Facebook!

Torna alla pagina precedente

Lascia un commento