LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Avere la fede di Giairo e il coraggio di sfiorare il mantello

La fede che nasce dal proprio limite

«Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la tua mano sopra di lei ed essa vivrà».

Il resoconto che Matteo dà di questo miracolo, è più asciutto e più drammatico. Non c’è una malattia da curare, ma una vita morta da riscattare. E colpisce la fede di questo padre che va da Gesù, anche quando tutto sembra perduto. Affida la propria figlia a Lui. Esercita una paternità straordinaria, perché sa riconoscere il suo limite e consegna a Gesù tutto quello che lui non può fare più.

Non dovrebbe essere così la nostra preghiera? Non dovremmo voler bene così alle persone? Andare da Gesù e dire: “Io ho fatto tutto quanto potevo, ora tu fai tutto quello che io non posso più fare”. Il miracolo è innanzitutto la fiducia di quest’uomo. L’umiltà è la consapevolezza dei nostri limiti.

“Arrivato poi Gesù nella casa del capo e veduti i flautisti e la gente in agitazione, disse: «Ritiratevi, perché la fanciulla non è morta, ma dorme». Quelli si misero a deriderlo. Ma dopo che fu cacciata via la gente egli entrò, le prese la mano e la fanciulla si alzò. E se ne sparse la fama in tutta quella regione”.

Trovare gente che si fida, suscita sempre le risatine di chi ama tenere tutto sotto controllo. Ma come dice un proverbio: ride bene chi ride ultimo. E il sorriso di questi genitori è l’ultimo del racconto.

Il tocco che guarisce

Ma ancora una volta il tema della fiducia e dell’umiltà viene declinato da un altro pezzo di racconto:

“Ed ecco una donna, che soffriva d’emorragia da dodici anni, gli si accostò alle spalle e toccò il lembo del suo mantello. Pensava infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò guarita». Gesù, voltatosi, la vide e disse: «Coraggio, figliola, la tua fede ti ha guarita». E in quell’istante la donna guarì”.

L’umiltà è sapere che il cambiamento non è solo in tutto il nostro impegno e nelle nostre possibilità, ma soprattutto nella potenza di Chi ci ama. Sfiorare il mantello di chi ci ama ci guarisce sempre. È il miracolo dell’amore.

Basta solo anche una sola esperienza marginale d’amore, a portare guarigione e coraggio. In questo senso siamo tutti mendicanti di amore come questa donna.

(Mt 9,18-26)

Don Luigi Maria Epicoco
#dalvangelodioggi

E voi, cosa ne pensate? Diteci la vostra nei commenti!

Per ulteriori chiarimenti, contattateci senza esitazione nell’apposita sezione qui sul sito, oppure sulla nostra pagina Facebook!

Lascia un commento