LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

3 Motivi per cui un cattolico si genuflette

Quante volte ci è capitato di vedere dei fratelli che si inginocchiano in chiesa, davanti al tabernacolo o all’altare? E quante volte vediamo compiere questo gesto con un esagerato inchino, saltelli o un passo di danza?

La genuflessione, così come altri gesti presenti nella liturgia, è una delle manifestazioni della nostra fede. Il Catechismo della Chiesa Cattolica definisce queste espressioni come:

Segni del mondo degli uomini. Nella vita umana segni e simboli occupano un posto importante. In quanto essere corporale e spirituale insieme, l’uomo esprime e percepisce le realtà spirituali attraverso segni e simboli materiali. In quanto essere sociale, l’uomo ha bisogno di segni e di simboli per comunicare con gli altri per mezzo del linguaggio, dei gesti, di azioni. La stessa cosa avviene nella sua relazione con Dio. (1146)

Infatti, quando in chiesa ci genuflettiamo verso il tabernacolo, esprimiamo  con il nostro corpo tre cose: umiltà, servizio e amore.

Nel nuovo video che vi presentiamo, Padre Mike Schmitz approfondisce l’importanza di questo semplice gesto nella nostra vita da cristiani. Non si tratta di una pura formalità, ma di un riconoscimento verso Cristo, di un ringraziamento per la sua presenza nella nostra vita.

E voi, cosa ne pensate? Diteci la vostra in un commento!

Per ulteriori chiarimenti, contattateci senza esitazione nell’apposita sezione qui sul sito, oppure sulla nostra pagina Facebook!

Lascia un commento