LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Come dovrebbero reagire i cattolici alla pandemia da coronavirus?

Padre Mike ci fornisce alcuni consigli su come dovremmo reagire alla pandemia da coronavirus. Comincia con il racconto del suo recente pellegrinaggio in Israele, nel bel mezzo dello scoppio dell’epidemia.

Morale della storia: tutto è un rischio! Alcuni, profondamente convinti di dire la verità, credono che la reazione al covid-19 sia esagerata, che non ci sia alcun bisogno di cancellare i voli e persino le Messe. A queste persone, padre Mike chiede: sappiamo solo criticare coloro che devono fare scelte difficili?

Preoccupazione, ansia, paura, vivere rimuginando su cosa potrebbe accadere o meno, non risolveranno nulla. La risposta è la fede in Dio, credere che alla fine tutto volgerà al bene.

Alcuni dicono che il coronavirus sia il risultato della nostra mancanza di fede e un richiamo al pentimento. Altri dicono che la nostra reazione a esso sia un esempio di mancanza di fede. Una cosa è certa: questa è una chiamata alla fede, come dovrebbe esserlo ogni avversità, ma è anche una chiamata al pentimento, che dovrebbe ricordarci della nostra fragilità e mortalità. Che coincidenza il fatto che queste cose ci siano state ricordate proprio durante la Quaresima, la quale si apre dicendoci: «Polvere sei e polvere tornerai» e «Convertiti e credi al Vangelo».

Possiamo trovare un lato positivo e uno negativo in ogni situazione. Come possiamo trovare delle benedizioni in mezzo a questa avversità? Pregate, siate grati e copritevi la bocca quando tossite!

Per ulteriori chiarimenti, contattateci senza esitazione nell’apposita sezione qui sul sito, oppure sulla nostra pagina Facebook!

Lascia un commento